ATLAS VEGGENZA

Veggenza, cartomanzia, tarocchi, spiritualità, medium

Ultimi argomenti

» un piccolo aiuto.... chissà :(
Mer 9 Lug 2014 - 19:57 Da laurap343

» Prob amore
Ven 10 Apr 2009 - 15:18 Da Grazia

» consulto amore
Ven 6 Mar 2009 - 20:27 Da maxwaxit

» LAVORO-----
Dom 1 Mar 2009 - 16:51 Da COCCINELLA

» ciao atlas
Ven 20 Feb 2009 - 10:30 Da Atlas

» Continuerà?
Ven 6 Feb 2009 - 16:42 Da Luna41

» Lavoro,Lavoro
Ven 6 Feb 2009 - 16:19 Da Alessia

» Delusione d'amore
Ven 6 Feb 2009 - 9:50 Da Atlas

» informazione tarocchi
Mar 27 Gen 2009 - 8:57 Da Atlas

Navigazione


    Le sfere dell'angeologia

    Condividere

    Atlas
    Admin
    Admin

    Maschile
    Numero di messaggi : 16
    Data d'iscrizione : 25.11.08

    Le sfere dell'angeologia

    Messaggio  Atlas il Dom 25 Gen 2009 - 0:41

    Secondo la mitologia cristiana medioevale, gli angeli sono organizzati in differenti ordini, detti Cori Angelici.

    La classificazione più influente fu discussa da Pseudo-Dionigi nel quarto o quinto secolo, nel libro De Caelesti hyerarchia.

    In questo suo lavoro, l'autore aveva indicato alcuni passaggi del Nuovo Testamento, nello specifico gli Efesini 6:12 e le Epistole Colossesi 1:16, sulla cui base costruire uno schema di tre Gerarchie, Sfere o Triadi di angeli, nella quale ogni Gerarchia contiene tre Ordini o Cori. In decrescente ordine di potenza questi sono:

    Prima Gerarchia: Serafini, Cherubini, Troni o Ophanim
    Seconda Gerarchia: Dominazioni, Virtù, Potestà
    Terza Gerarchia: Principati, Arcangeli, Angeli

    Durante il medioevo, molti altri schemi furono proposti, alcuni illustrando o espandendo quello di Pseudo-Dionisio, altri suggerendo classificazioni completamente differenti. Ecco un altro esempio di come si furono espansi nel resto di questa voce:

    Prima Gerarchia: Serafini, Cherubini, Arcangeli
    Seconda Gerarchia: Dominazioni, Virtù, Principati, Dominazioni, Autorità, Potestà, Troni
    Terza Gerarchia: Angeli
    Alcuni autori limitano i troni a sette.



    Prima Sfera

    Serafini



    I Serafini (da "Seraph") appartengono al più alto ordine di angeli, asservono il ruolo di guardiani del trono di Dio e continuamente cantano le sue preghiere: "Santo, santo, santo è il SIGNORE degli eserciti! Tutta la terra è piena della sua gloria!". È anche detto che circondano il trono di Dio, cantando la musica delle sfere e regolando il movimento del cielo cosi come viene comandato da Dio. È anche detto che emanano una luce così potente e brillante che nessuno, se non occhi divini, possano guardarli. Quattro di loro circondano il trono di Dio, dove loro bruciano eternamente per amore e zelo per Dio. Sono angeli dalle 6 ali.

    Molti Cristiani credono che il Diavolo sia un angelo decaduto e che una volta fosse nei Cieli un Serafino. Si credette secondo in potenza a Dio. I Cristiani credono che il Diavolo fosse un angelo della luce prima del suo peccato contro Dio. A differenza degli altri Serafini che hanno sei ali, Satana ne possiederebbe 12.

    Quanto al nome dei Serafini esso ci rivela il loro continuo ed incessante movimento attorno alle realtà divine, il calore, l'ardore, il ribollire di questo eterno movimento continuo, stabile e fermo, la capacità di rendere simili a sé stessi i subordinati, elevandoli energicamente, facendoli ribollire ed infiammare fino ad un calore uguale al loro, il potere catartico simile alla folgore, la natura luminosa e risplendente che mai si occulta e che è inestinguibile, fugatrice di ogni tetra oscurità.

    I Serafini vengono menzionati nel libro di Isaia 6:1


    Cherubini



    i Cherubini stanno oltre il trono di Dio; loro sono i guardiani della luce e delle stelle. Si crede che, anche se siano stati rimossi dal piano reale e materiale degli uomini, la luce divina che loro filtrano giù dal cielo possa ancora toccare le vite umane.

    Possiedono quattro ali. Hanno inoltre quattro facce, ovvero una umana, una di mucca, una di leone ed infine una di aquila. I Cherubini sono considerati coloro dediti alla protezione. Essi stanno a guardia dell'Eden e del trono di Dio.

    Il loro grado tra gli angeli non è certo, ma vengono comunque posti nella Prima Sfera. Alcuni li credono essere un ordine di angeli; altri li credono una classe al di sopra di ogni altro angelo. I Cherubini hanno una perfetta conoscenza di Dio, superata soltanto dall'amore di Dio dei Serafini.

    Quanto al nome dei Cherubini, esso ci rivela il loro potere di conoscere e di contemplare la Divinità, la loro attitudine a ricevere il dono di luce più alto e a contemplare la dignità del Principio divino nella sua potenza originaria, la loro capacità di riempirsi del dono della saggezza e di comunicarlo, senza invidia, a quelli del secondo ordine…

    Essi vengono menzionati nel libro della Genesi 3:24 e nel libro di Ezechiele 10:17.


    Troni


    I Troni o Ophanim sono esseri angelici dalla forma mutevole e dagli infiniti colori. Il loro compito è quello di portare il trono di Dio per il paradiso in suo nome.

    Inoltre, sono descritti come ruote intersecate ad altre ruote, una muove in avanti e indietro, e l'altra si muove da un lato all'altro. Queste ruote sono dotate di innumerevoli occhi. Questa immagine è stata trovata nel Libro di Ezechiele, dove il profeta Ezechiele descrive la visione dei Cieli. Il profeta non descrive esplicitamente queste ruote come angeli, ma come oggetti o "creature viventi" che possiedono uno spirito.

    I Troni sono pari in uguaglianza, autorità e potere se comparati con le Potestà. Tuttavia i Troni sono politicamente, militarmente e economicamente orientati, e le loro preoccupazioni generali ruotano attorno al mondo e al genere umano. I troni hanno autorità oltre ogni altra maggiore divisione del mondo.

    Paolo usa il termine troni nella lettera ai Colossesi 1:16 ma potrebbe riferirsi ai troni dei re delle nazioni, invece di riferirsi agli angeli.
    Quanto al nome di Troni, spiriti molto alti e sublimi, esso ci indica che questi trascendono in modo puro ogni vile inclinazione, che si elevano verso la vetta in modo ultraterreno, che fermamente si ritraggono da ogni bassezza, che siedono totalmente, in modo saldo e ben fondato, attorno a Colui che è veramente l'Altissimo, che accolgono ciò che discende dal Principio divino con una calma tutta immateriale, e infine che sono portatori del Divino, premurosamente aperti a ricevere le Sue donazioni.


    Seconda Sfera

    Dominazioni



    Le Dominazioni, sono conosciute anche come HAshmallim, e hanno il compito di regolare i compiti degli angeli inferiori. Ricevono i loro ordini dai Serafini, Cherubini o direttamente da Dio, e devono assicurarsi che il cosmo sia sempre in ordine. È con estrema rarità che le Dominazioni assumano forma fisica per mostrarsi ai mortali. Invece, si interessano tranquillamente dei particolari dell'esistenza. Sono gli Angeli ai quali Dio affida la forza del Dominare. Essi compongono l'esercito dell'Apocalisse e da loro dipende l'ordine universale e la disciplina ferrea alla quale gli angeli si rivolgono per mantenerlo.

    Si dovrebbe notare che anche se il termine dominazioni è usato da Paolo di Tarsus nella lettera ai Colossesi 1:16 potrebbe essere stato utilizzato per riferirsi alle dominazioni delle nazioni e egli uomini, invece che riferirsi agli angeli.
    È possibile che il nome rivelatore delle sante Dominazioni ci indichi la loro forza di elevarsi, che mai si sottomette, libera da ogni inferiore cedimento; esse non si abbassano assolutamente a nessuna realtà discordante e tirannica, superano… ogni degradante asservimento…, entrano il più possibile in comunione con l'eterna divinità del Principio della Dominazione.


    Potestà
    Le Potestà sono esseri angelici dai molti colori, come vapori nebbiosi. Sono gli elementi portanti della coscienza e custodi della storia. Gli angeli della nascita e della morte sono Potestà. Sono accademicamente guidati e interessati all'ideologia, filosofia, teologia, religione e ai documenti che appartengono a questi studi. Le potenze sono le menti: un gruppo di esperti che servono da consiglieri e pianificatori della politica. Il loro compito è quello di sorvegliare la distribuzione di poteri all'umanità, in loro nome. Nella credenza popolare sono gli Angeli che accompagnano le decisioni dei padri e li consigliano nella cura della famiglia.

    Paolo usa il termine potestà nella lettera ai Colossesi1:16 e nella lettera agli Efesini 1:21 ma potrebbero essere utilizzato in riferimento al potere delle nazioni, società o individui, anziché riferirsi agli angeli.
    Quanto al nome delle sante Potestà, esso ci rivela la loro parità di grado condivisa con le divine Dominazioni e con le Virtù, la disposizione molto armoniosa nell'accogliere i doni divini, il carattere di potenza ultraterrena e intelligente, che non abusa tirannicamente delle sue potenti forze, volgendole al peggio, ma che si eleva ed eleva con bontà i subordinati verso le realtà divine, e che tende ad assimilarsi al Principio della Potestà, fonte di ogni potestà, che Lo riflette, per quanto è possibili agli Angeli…


    Potenze e Autorità
    Questi due tipi di angeli sono uguali in potenza e autorità. Le Potenze sviluppano le ideologie dove le Autorità scrivono i documenti e le dottrine.

    Entrambe sono coinvolte nella formulazione delle ideologie. Tuttavia, le Potenze tutto comprendono dove le Autorità si focalizzano su specifiche linee di conoscenza.

    Le Autorità sono specializzate nello stampare quelle idee e nella produzione degli attuali documenti.

    Paolo usa il termine potenza e autorità nella lettera agli Efesini 1:21. Potrebbe tuttavia riferirsi alle potenze e autorità della società degli uomini, invece che riferirsi agli angeli.



    Virtù
    Le Virtù, anche chiamate Fortezze, si trovano oltre il trono di Dio e sono uguali ai Principati. Il loro dovere e' quello di osservare i gruppi di persone. La loro forma è simile a lampi di luce che inspirano nell'umanita molte cose come l'Arte o la Scienza,

    Il nome delle sante Virtù significa coraggio saldo e intrepidità in tutte le attività, un coraggio che mai si stanca di accogliere le illuminazioni donate dal Principio divino, che è anzi potentemente teso all'imitazione di Dio…

    Dispensatori di Grazia, definiscono l’archetipo, in termini di qualità specifiche, dell’elemento creato. Stabiliscono pertanto le caratteristiche proprie dell’elemento: attribuiscono la forma, il colore, la dimensione, il profumo, la temperatura. Da questo momento in poi l’elemento è pronto per scendere nei piani della materia, manifestandosi, sia esso un fiore o una galassia.


    Terza Sfera
    Angeli che assolvono la funzione di messaggeri del Cielo.


    Principati

    I Principati sono esseri angelici dalla forma simile a raggi di luce. Si trovano oltre il gruppo degli arcangeli. Sono gli angeli guardiani delle nazioni e delle contee, e tutto coloro che concerne i loro problemi e eventi, inclusa la politica, i problemi militari, il commercio e lo scambio. Uno dei loro compiti e' quello di scegliere chi tra l'umanità può dominare.

    Paolo usa il termine Principati nelle lettere ai Colossesi 1:16 e agli Efesini 1:21;3:10 ma il termine potrebbe essere riferito ai principati del mondo, alle nazioni, contee e società, anziché riferirsi agli angeli.


    Arcangeli


    Gli Arcangeli sono usualmente considerati il secondo ordine più basso della Prima Sfera; questi angeli tendono ad essere i più grandi consiglieri e amministratori inviati dal Cielo. Un arcangelo ha normalmente un ruolo di grande importanza nei riguardi dell'uomo. Secondo l'Angelologia di Pseudo-Dionigi, tuttavia, gli Arcangeli stanno appena sopra l'ordine angelico, quello degli Angeli comuni.

    La parola arcangelo è usata solamente due volte nelle scritture ( ma diverse volte del Septuaginta: una volta riferendosi a Michele l'arcangelo e nell'altro caso riferendosi a Gabriele.

    La credenza che Satana fosse un cherubino prima della sua caduta dal cielo è una teoria più moderna. Questa credenza è basata sul fatto che: (a) il cherubino che cadde era il Re della terra; e (b) lo scontro nell'Apocalisse contro l'arcangelo Michele sembra mostrare che lui fosse un arcangelo.
    Alcuni insistono che gli arcangeli non sono divisi in separati ordini ma nella tradizione cattolica gli arcangeli (Michele), Raffaele, Gabriele e in alcuni casi Uriel) sono cherubini o serafini oltre che essere arcangeli. Tuttavia, in ogni caso, essere arcangelo implica chiaramente una parte nella prima sfera degli angeli. Talvolta, Lucifero viene inoltre considerato essere un arcangelo prima della sua Caduta. Essendo il "secondo in comando" a dio, implica che non fosse comunque al di sotto dei Serafini.


    Angeli


    Gli Angeli appartengono all'ordine più basso della gerarchia degli angeli, e sono i più familiari agli uomini. Sono coloro più coinvolti negli affari degli uomini. All'interno della categoria degli angeli, ci sono differenze di molti tipi, con differenti compiti. Gli angeli vengono inoltre inviati come messaggeri agli uomini.

      La data/ora di oggi è Dom 19 Feb 2017 - 21:47